Dati osservatorio

OSSERVATORIO DELLE POVERTÀ E DELLE RISORSE

 

“La carità richiede apertura della mente, sguardo ampio, intuizione, previsione, “un cuore che vede”. Rispondere ai bisogni significa non solo dare il pane all’affamato, ma anche lasciarsi interpellare dalle cause per cui è affamato, con lo sguardo di Gesù che sapeva vedere la realtà profonda delle persone che gli si accostavano.”.

(Papa Benedetto XVI – Discorso per il 40° anniversario della Caritas Italiana – 24/11/2011)

 

Lo specifico compito della Caritas è duplice:

  • porgere segni di attenzione concreta a chi è nel bisogno

  • aiutare l’intera comunità cristiana a farsi carico dei “poveri”.

Per questo è importante portare a conoscenza di tutta la comunità le situazioni di povertà di modo che diventino  patrimonio comune per riflettere su proposte e misure di contrasto. In questo modo la Caritas svolge la funzione di antenna, che capta i segnali e li diffonde.

L’aggiornamento costante consente di seguire l’evoluzione dei fenomeni: osservare attentamente quello che ci sta vicino per cogliere i segnali di ciò che verrà.

Questa conoscenza è finalizzata a migliorare l’aiuto che prestiamo a chi è in difficoltà promuovendo consapevolezza e coinvolgimento da parte della comunità civile ed ecclesiale.

Per aiutare le Caritas Diocesane e Parrocchiali in questo, la Caritas Italiana da oltre 30 anni ha predisposto uno strumento: l’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse. E’, appunto, lo strumento affidato alla Caritas perché svolga un servizio alla Chiesa locale, perché legga con sistematicità la realtà territoriale per rilevare le situazioni di povertà, le loro cause e le risposte presenti.

Possiamo immaginare l’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse come una piazza, un luogo di incontro tra le diverse situazioni di povertà e le risposte in atto nel territorio tanto dai Servizi Pubblici quanto da associazioni ed enti vari.

Oggi la Caritas Italiana utilizza OSPOWEB, un software gratuito che permette la raccolta dei dati in tempo reale da tutte le Caritas Diocesane e Parrocchiali.

In Italia il 57% delle Diocesi – con oltre 1.300 centri (diocesani e parrocchiali) sono collegate alla rete Ospoweb; le altre diocesi raccolgono i dati con programmi che “dialogano” con Ospoweb.

In Emilia-Romagna dal 2017 tutte le Diocesi utilizzano Ospoweb.

Nella diocesi di Bologna abbiamo cominciato a diffondere l’utilizzo di Ospoweb nel 2016 ed ad oggi, oltre al Centro di Ascolto Diocesano, sono in rete 33 Centri di Ascolto Parrocchiali, cioè circa ¼ .

 

Cosa fa l’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse?

  • Raccoglie le informazioni sulla povertà  e le risorse di ogni comunità

  • Conserva memoria delle storie di vita

  • Condivide i dati di parrocchie, diocesi…

  • Elabora i dati per approfondire la conoscenza dei fenomeni sociali

  • Fornisce elementi per progettare nuove risposte non emergenziali

E’ grazie al lavoro di quanti raccolgono i dati che è possibile redigere report, studi ed analisi sui fenomeni sociali.

 

Concretamente:

Ogni Caritas Parrocchiale può contribuire alla raccolta dei dati per l’Osservatorio delle Povertà e delle Risorse e può così essere in rete con le altre Caritas della Diocesi.

 

Per maggiori info caritasbo.segr@chiesadibologna.it