top of page

Orti: memorie future

Il progetto nasce dall’idea che, per comprendere e interpretare la realtà in cui si vive, per sviluppare un senso di appartenenza a un’identità collettiva, sia necessario partire dall’incontro, dalla disponibilità a rimettere in gioco le proprie esperienze e certezze consolidate in un continuo dialogo e confronto con l’altro.

A partire dagli importanti risultati che l'esperienza ha avviato rispetto alla motivazione, rimotivazione, autostima, empowerment e costruzione di legami e progetti di vita, delle persone coinvolte nei progetti “S.E.M.I – Semenzaio di Esperienze, Motivazioni, Identità”, Memorie Future (anno 2021 – 2022 - 2023) e Intrecci da Coltivare (poi Orti in Parrocchia), si propone la prosecuzione delle attività anche per l’anno 2024, mantenendo una forte continuità con le attività svolte negli anni 2022 – 2023.

La metodologia utilizzata è la "Pedagogia di Cantiere", per il 2024 il progetto intende proseguire nell’implementazione delle azioni di "contaminazione" tra orto e suoi destinatari e territorio/comunità, in una sorta di interazione positiva tra il dentro e il fuori da SEMI.

Ad oggi partecipano al progetto 9 persone in condizione di fragilità, in carico a Caritas, che necessitino della costruzione e ri-costruzione di legami personali e sociali e di riappropriarsi di un’identità frammentata.

E’ importante rilevare che le persone inserite nel progetto sono, nella maggior parte dei casi e per caratteristiche individuali e/o condizioni socio-economiche, ancora lontane dalla possibilità di un inserimento lavorativo.

La metodologia utilizzata supporta le persone nel creare o ricreare le condizioni preliminari ad un progetto eventuale di avvicinamento al lavoro.

bottom of page