ANCORA...INSIEME Il nostro grazie alla Rete Don't Panic - Organizziamoci

Niente Panico! Per ogni cosa c'è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.

Un po' di panico in effetti all’inizio di tutta questa storia ci è venuto. Come faremo a garantire i nostri aiuti? Come potremo continuare ad essere al fianco degli ultimi se siamo costretti nelle nostre case? Chi ha letto l’ultimo articolo da noi pubblicato (“La Giostra non Gira” https://www.caritasbologna.it/post/la-giostra-non-gira…) già sa che in queste settimane le Caritas Parrocchiali sono impegnate a rispondere ai bisogni, soprattutto alimentari, di moltissime famiglie che non si erano mai rivolte alla nostra rete. Gli eventi di questo periodo hanno rivoluzionato molto il nostro lavoro, e le nostre Caritas Parrocchiali si sono tempestivamente reinventate attraverso la consegna dei viveri a domicilio, i colloqui telefonici con le persone e il coinvolgimento dei giovani in sostituzione dei volontari più a rischio. Questo cambiamento ha dovuto fare i conti con le restrizioni: la limitazione degli spostamenti sul territorio e la chiusura delle attività commerciali hanno avuto l’effetto di diminuire le quantità e la varietà dei generi alimentari di cui le Caritas disponevano. Venendo meno la possibilità di uscire dal proprio Comune per i rifornimenti alimentari si è fermata gran parte della rete del recupero delle eccedenze di cibo. Molti dei supermercati che insieme alla rete informale (botteghe, fornai, bar e ristoranti), destinavano l’invenduto alle nostre Caritas, in questo momento, non sono più una risorsa fruibile. Proprio per questo è stato necessario ripensare la rete e il coinvolgimento di realtà nuove che potessero supportarci nel continuare a garantire una “sportina” dignitosa alle nostre famiglie, permettendoci intanto di riorganizzare servizi adeguati. Fin dall’inizio della pandemia, siamo stati contattati dalla rete @Don't Panic – Organizziamoci di Bologna, https://dontpanicbo.it/, realtà creata e promossa con grande tempestività e che tra le varie attività, organizza e promuove la raccolta di generi alimentari da donare alle realtà aderenti e a quelle che ne fanno richiesta. La settimana scorsa tutta la raccolta alimentare “Don’t Panic” è stata devoluta alla Caritas di Calderara di Reno per cui si è ritenuto opportuno un intervento straordinario, visto che sul territorio si trova un' Area Sosta, all’interno della quale vivono diverse famiglie che sono andate ad aggiungersi alle già numerose persone conosciute e seguite dalla Caritas Parrocchiale di Calderara, rendendo necessario aumentare la distribuzione dei generi alimentari. Se questa collaborazione nasce da una situazione di necessità ed urgenza, si conferma sempre in linea con il mandato della Caritas, che auspica a sempre maggiori collaborazioni con le realtà attive del territorio e ci conferma inoltre che il criterio di sussidiarietà orizzontale deve essere all’ordine del giorno tra le buone prassi proprio perché aiuta a costruire azioni congiunte nel rispondere ai bisogni del territorio e dei suoi cittadini. E chissà che le relazioni costruite in questo periodo non possano portarci alla creazione di una sorta di “Stati Generali” del welfare locale. Perché se questa situazione una cosa ce l’ha insegnata è che siamo interdipendenti gli uni dagli altri e che una società, per funzionare, ha bisogno del contributo di tutti. Tutti, pubblico e privato, seduti insieme attorno allo stesso tavolo, non per delegare a ciascuno le proprie responsabilità ma per pensare, progettare e creare insieme. Verrà il tempo in cui dovremo fare i conti con quanto è successo, un tempo in cui dovremo essere capaci di affrontare e rispondere ad esasperati bisogni, vecchi e nuovi, i quali saranno maggiormente chiari e visibili quando usciremo dalle nostre case e potremo toccare con mano i danni subiti. Per questo un grazie di cuore alla rete Dont’Panic, a tutti coloro che hanno donato quanto serviva e alle nostre Caritas Parrocchiali, sempre in prima linea al fianco degli ultimi.

l'Operatrice Caritas

Clizia C.

93 visualizzazioni