top of page

Un Natale ... per un'altra strada



Avvicinandoci alla mangiatoia di Betlemme, vogliamo contemplare il Natale del Signore con gli occhi dei Magi, venuti dall'Oriente. Occhi stranieri, lontani ed estranei dalla cultura d'Israele.


Occhi che anche oggi vivono culture, tradizioni e lingue diverse. Eppure come i Magi, così anche oggi, la Buona Notizia di Gesù, il Dio con noi, raggiunge tutti. Il Natale è per tutti e non per pochi.


Occhi che vedono Dio nella debolezza della carne di un bambino. I Magi si prostrano, adorano, gesti riservati a Dio, eppure davanti a loro c'è "soltanto" un fragile bambino. Gli occhi dei Magi ci insegnano a comprendere il mistero dell'incarnazione: Dio si fa uomo, Dio si rivela nella vita di Gesù e in ogni uomo fragile e piccolo.


Occhi che sanno cambiare strada. I Magi tornano al loro Paese "per un' altra strada". Il Natale è sempre occasione di revisione della nostra vita, di presa di contatto con la nostra interiorità e occasione di conversione.


Dal Natale si ritorna sempre ... per un'altra strada.


Don Matteo Prosperini - Direttore della Caritas Diocesana di Bologna

116 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page